Revamping, TEE, diagnosi energetica: a SolarExpo 2015 è di scena l’efficienza energetica

Revamping, TEE, diagnosi energetica: a SolarExpo 2015 è di scena l’efficienza energetica

 

E’ ormai uno degli appuntamenti più attesi dell’anno per tutti i professionisti e gli Enti che vogliono confrontarsi e restare aggiornati sulle novità del mercato delle tecnologie solari e dell’efficienza energetica. SolarExpo torna dall’8 al 10 aprile con molte novità, a partire dalla nuova sede al MiCo – Fiera Milano Congressi.

Il costo della bolletta energetica è una delle voci che ancora oggi incide maggiormente sulle imprese italiane, arrivando a rappresentare anche il 15% del fatturato. Diventa, quindi, ancora più importante e soprattutto urgente attivare tutti gli strumenti e le iniziative che possano incidere su questi costi e che possano ridurre gli sprechi energetici.

In questo scenario SolarExpo rappresenta un utile momento di confronto e di aggiornamento non solo sulle nuove tecnologie per la produzione di energia da rinnovabili, ma soprattutto di apprendimento di nuove modalità di affrontare gli sprechi e ridurre i costi dell’energia elettrica con interventi di efficienza energetica, di gestione e di monitoraggio in tempo reale.

Sviluppata su tre piani, SolarExpo offre un ricco paniere di convegni e un ampio spazio espositivo, ma soprattutto l’opportunità di incontri B2B in un roadshow di eventi serali e speciali dedicati al confronto tra professionisti in tutti gli ambiti del mondo dell’energia:
– rinnovabili elettriche;
– energy storage;
– smart building;
– smart cities;
– smart grides;
– mobilità elettrica e ibrida;
– efficienza energetica degli edifici e nei processi industriali.

Grande attenzione, quindi, alle tematiche che introducono concetti come il revamping, i certificati bianchi, la diagnosi energetica (obbligatoria da quest’anno e realizzabile solamente da ESCo): tre ambiti che ci vedono impegnati da anni a fianco delle imprese per realizzare progetti di efficientamento con il nostro programma di risparmio energetico Co2save.

Risparmi considerevoli, infatti, sono stati raggiunti, grazie al programma Co2save, nei settori dell’hotellerie, della ristorazione collettiva e della GDO, dove un ruolo importante ricoprono la conduzione e il monitoraggio da remoto degli impianti, con interventi tempestivi ad ogni alert che segnali un discostamento dai valori ottimali di consumo, e il conseguimento dei Certificati Bianchi, con la presentazione del progetto al GSE e il rilascio dei TEE equivalenti al risparmio conseguito.
 

Share This