Efficienza energetica nel retail: intervista a Elena Tognoli di Librerie La Feltrinelli

Efficienza energetica nel retail: intervista a Elena Tognoli di Librerie La Feltrinelli

“Ho trovato un partner che ci può aiutare a crescere e ad affrontare le diverse sfide e complessità che ci possono essere nell’ambito energetico”: a raccontare la sua esperienza con CO2save è Elena Tognoli, Direttore Logistica, Area Tecnica, Procurement e Servizi Generali da Librerie La Feltrinelli.

Un percorso insieme iniziato con una sfida: si possono installare e attivare in meno di 2 mesi più di 30 sistemi di monitoraggio in punti vendita sparsi in tutta Italia senza perdere qualità nel servizio?

Una sfida che abbiamo vinto grazie ad una pianificazione e gestione puntuale di acquisti e magazzino che ci ha permesso di disporre delle attrezzature necessarie in tempi brevi, ma anche grazie alla nostra rete di installatori referenziati su tutto il territorio nazionale, un cronoprogramma preciso condiviso con il cliente e la piena governance delle attività, sollevando il cliente da dover gestire direttamente l’installazione dei sistemi. E ovviamente anche con un pizzico di fortuna che ci ha salvaguardato da intoppi e contrattempi.

In questa intervista Elena ci racconta come ha iniziato a introdurre l’efficienza energetica in Librerie La Feltrinelli, quali risultati ha raggiunto e quali sono i progetti per il futuro in ambito di sostenibilità.

 

Qual è stato il primo passo per avviare i progetti di efficienza energetica?
Siamo partiti nel 2016 quando abbiamo sostituito tutti i corpi illuminanti dei nostri 120 punti vendita con corpi illuminanti LED, un progetto che ci ha impegnati per circa 3 anni e che si è concluso tra il 2019 e il 2020. Lo scopo era sia contenere i costi energetici che raggiungere un minor consumo di materiale di consumo, come ad esempio di lampadine sostitutive. Ho iniziato successivamente ad approfondire l’ambito del monitoraggio dei consumi energetici, anche se in quel periodo non mi occupavo ancora direttamente dell’acquisto dell’energia. L’impressione era di qualcosa di molto macchinoso e complicato da attivare, oltre e non essermi chiaro chi facesse cosa. Solo quando ho iniziato a occuparmi dell’acquisto dell’energia, ho deciso che era il momento di attivare un progetto di efficientamento dei consumi dei nostri punti vendita, partendo da un progetto pilota su 30 negozi. Proprio ricercando una società che fornisse l’hardware per il monitoraggio siamo entrati in contatto con voi di CO2save, che mi avete illustrato il percorso in modo semplice e chiaro e da allora la collaborazione ha preso avvio.

 

Cos’è stato determinante nella scelta del partner di progetto?
Devo dire che sono stati determinanti la chiarezza e l’onestà nel prefigurare i risultati ottenibili, dandomi un quadro preciso del percorso da intraprendere. Il giorno che ho parlato con Matteo (ndr. responsabile commerciale in CO2save) in cinque minuti ho capito ciò che avremmo realizzato con esempi e case-history di vostri clienti, numeri, referenze con cui ho potuto avere uno scambio di opinioni. Ciò che ho subito percepito è che siete molto competenti e avete tanta esperienza nel mondo retail, lavorando con realtà di primo piano in questo settore. Abbiamo da subito trovato in voi delle persone preparate, pragmatiche, ben organizzate, da cui ho sempre un supporto su tutti gli aspetti relativi a questo progetto. Riuscite a rendere semplice e approcciabile intraprendere un percorso di questo genere a chi ha una realtà complessa come la nostra e che non aveva ancora affrontato questi aspetti. Ci accompagnate con molta sicurezza e affidabilità, facendoci sentire molto sicuri e tranquilli, perché rappresentate quale può essere l’iter migliore per avviare un progetto di efficienza energetica.

 

Il monitoraggio energetico che tappa rappresenta all’interno del vostro percorso di efficienza energetica?
In realtà da molti anni compriamo anche energia verde prodotta da rinnovabili, ma è chiaro che in un momento come questo in cui i prezzi dell’energia sono molto volatili, aver già attivo un progetto di efficientamento per noi è un grande vantaggio. Chi avrebbe mai pensato un anno fa, quando abbiamo iniziato questo percorso, che ci saremmo trovati con questi sbalzi dei prezzi? Sono scenari che sono cambiati radicalmente e in modo imprevedibile. Ma ci rasserena sapere che gli impatti sui nostri 37 punti vendita più energivori sono sotto controllo grazie al monitoraggio. E questo ci consente di dire che stiamo lavorando su entrambe le variabili, il prezzo e il consumo.

 

 

È stato importante coinvolgere le persone all’interno dell’azienda?
Questo progetto di efficientamento rappresenta un punto di partenza che conduce l’azienda verso un percorso di sostenibilità più ampio, sostenuto in primis dai nostri vertici. Oltre al tema dell’energia, infatti, ho iniziato a interessarmi al tema della sostenibilità ambientale e a coinvolgere anche chi fa lo sviluppo dei punti vendita e chi li progetta per pensare a negozi sempre più sostenibili, anche dal punto di vista realizzativo. Ad esempio, nel punto vendita che stiamo ristrutturando a Milano al Portello abbiamo introdotto soluzioni sostenibili nelle plastiche e nelle pellicole, coinvolgendo direttamente l’ufficio marketing, già attivo sul fronte della comunicazione, ma stando ben lontani dal greenwashing. Con questo spirito rappresento la mia azienda in Confimprese che ci ha chiesto di partecipare alla stesura di un manifesto di sostenibilità per il settore retail, che affronto con entusiasmo. Sarà comunque sempre mio compito continuare a stimolare le persone all’interno della mia azienda per realizzare punti vendita sempre più sostenibili.

 

Quali risultati avete raggiunto fino ad oggi e quali sviluppi sono in programma?
Siamo partiti in realtà da poco, a fine aprile abbiamo avviato il progetto e il monitoraggio è iniziato a fine giugno 2021.  I risultati, anche se ancora parziali, sono molto interessanti e incoraggianti. E di questo siamo molto soddisfatti. Sicuramente è un progetto che avrà dei follow up e ulteriori investimenti anche su altri ambiti della sostenibilità con CO2save.

 

Grazie Elena!

Share This