Efficienza energetica: il punto del MISE sui decreti in cantiere

Efficienza energetica: il punto del MISE sui decreti in cantiere

 

A che punto sono i lavori del Governo sui Decreti per l’efficienza energetica? A questo interrogativo ha risposto qualche giorno fa Antonio Gentile, sottosegretario allo Sviluppo Economico, dietro sollecitazione di Giuseppe Civati, che si era rivolto alla Commissione Attività Produttive della Camera per ottenere aggiornamenti sulle azioni del Governo in tema di efficientamento energetico.

Riassumiamo punto per punto i commenti e le risposte che il sottosegretario Gentile ha comunicato sui punti più salienti in sospeso.

Fondo nazionale per l’efficienza energetica
L’istruttoria tecnica è completata e il Decreto attuativo è, quindi, in attesa di emanazione. E’ stata, inoltre, condotta una verifica con il Piano Juncker (Fondo Europeo per gli investimenti strategici) per individuare possibili sinergie con il Fondo nazionale italiano.
Si sa che il Decreto, comunque, conterrà tutte le informazioni, le modalità di accesso, la gestione e sarà suddiviso in due sezioni:
– 1° sezione per la concessione delle garanzie;
– 2° sezione per erogazione dei finanziamenti, anche attraverso le EsCo e forme di parternariato tra pubblico e e privato, società di progetto appositamente costituite.
Il Fondo, nel periodo 2014-2020, prevede la disponibilità di circa 70 milioni di euro l’anno.

Semplificazione procedure autorizzative per efficienza energetica e rinnovabili su residenziale e terziario
E’ pronto per l’approvazione anche il Decreto interministeriale sulle linee guida per semplificare e armonizzare le procedure per l’installazione in ambito residenziali e terziario delle tecnologie per l’efficienza energetica e l’impiego di fonti rinnovabili.
Si attende l’esito delle ultime interlocuzioni con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Bando per le diagnosi energetiche nelle PMI
Il Bando per il cofinanziamento dei programmi delle Regioni a favore delle diagnosi energetiche nelle PMI risale al 12 maggio 2015. Il 28 luglio dello stesso anno, il Decreto ha fissato, su richiesta delle stesse Regioni, al 31 ottobre 2015 la nuova data per la presentazione delle domande. Sono 14 i programmi regionali da allora approvati e le risorse sono già state destinate. Attualmente è in corso l’interlocuzione con le Regioni per stipulare le convenzioni.

Aggiornamento delle linee guida dei Certificati bianchi (TEE)
L’aggiornamento delle linee guida sui TEE fissa i nuovi obiettivi per il risparmio energetico per il periodo 2017-2020. Il Decreto che verrà emanato terrà conto delle osservazioni raccolte con la consultazione pubblica aperta sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico e delle raccomandazioni della Commissione Industria del Senato.

Riqualificazione energetica degli immobili della Pubblica Amministrazione
Sono in corso gli approfondimenti sulle procedure di erogazione dei finanziamenti, richiesti dai Ministeri concertanti, ma lo schema del Decreto è in fase di lavorazione da mesi. Il testo del Decreto attuativo è stato inviato ai Ministeri dell’Ambiente, delle Infrastrutture e dell’Economia il 15 aprile scorso e sarà emanato non appena approvato da questi Ministeri.

Fondo per il teleriscaldamento
L’emanazione del Decreto sul teleriscaldamento sarà emanato solo se necessario e in conseguenza delle variazioni di fabbisogno per i programmi di riqualificazione energetica degli immobili della P.A. per gli anni dal 2015 al 2020, tenuto conto che il Decreto ha già provveduto a stanziarlo per gli anni 2014 e 2015.

Fondo Kyoto per le scuole
Per questo ambito si fa riferimento al Decreto del 14 aprile 2015. Dal 25 giugno 2015 è stato aperto lo sportello per presentare le domande, che ha raccolto istanze per circa 103 milioni di euro sui 350 milioni disponibili. Le risorse che non sono state distribuite nel 2015 saranno messe a disposizione e dal 21 aprile al 31 ottobre 2016 sarà possibile presentare le nuove domande.
 

Share This