Dissertazione sullo Smart Building, passando per Vitruvio

Dissertazione sullo Smart Building, passando per Vitruvio

 

Un interessante articolo di Mario Butera ripercorre l’evoluzione della progettazione edilizia e architettonica fino ai giorni nostri, dove spesso sono le tecnologie a determinare le scelte, invece che una progettazine integrata. 

Come ci rivela Mario Butera, l’edificio è una somma di sistemi, ciascuno dei quali è diventato sempre più sofisticato nel tempo, ma non è un sistema chiuso in se stesso, ma un sistema in cui si integrano ambiente, funzionalità e tecnologia: “Lo Smart Building, nasce dalla necessità di gestire e controllare enormi strutture edilizie piene di tecnologia (basti pensare alla complessità di un grattacielo a uso terziario) e dalla possibilità di creare una sovrastruttura informatica per controllare il sistema edificio-impianti tecnologici”.

Questi sistemi, capaci di mantenere condizioni interne costanti, o poco variabili, quando immersi in un ambiente variabile, richiedono know how e capacità tecnologiche specifiche, un aspetto chiave per il nostro programma di risparmio energetico Co2save.

Sul sito QualEnergia, la lettura integrale dell’articolo di Mario Butera.

 

Share This