Aumento della domanda di energia elettrica a settembre

Aumento della domanda di energia elettrica a settembre

 

Gli ultimi dati divulgati da Terna rivelano che a settembre è aumentata la domanda di energia elettrica, registrando una crescita, seppur piccola, dopo il segno negativo che si registra da gennaio 2014. Un buon segno, che fa presagire un timido segnale di ripresa. Ma i dati forniti da Terna rilevano altri segnali positivi.

Dall’inizio dell’anno in Italia le energie rinnovabili, biomasse incluse,hanno generato circa 90,3 TWh, registrando un aumento del 6,6% rispetto allo stesso periodo del 2013.

Nel report mensile di Terna, viene infatti riportato che a settembre 2014 l’energia elettrica richiesta in Italia (26,2 miliardi di kWh) ha fatto registrare per la prima volta da due anni una variazione di segno positivo: +0,4% rispetto ai volumi di settembre dello scorso anno.

A livello territoriale, la variazione tendenziale di settembre 2014 è così ripartita:

– al Nord +0,4%;
– al Centro -0,3%;
– al Sud +0,8%.

Inoltre, nel mese di settembre 2014, l’energia elettrica richiesta in Italia è stata coperta per un 86,9 % da produzione nazionale (-2,1% della produzione netta rispetto a settembre 2013) e per la quota restante da importazioni.

Nei primi nove mesi il Nord del Paese detiene la maggiore richiesta di energia elettrica (105,9 miliardi di kWh pari al 45,7% dell’intera domanda nazionale), mentre la direttrice dei flussi interni di energia elettrica si concentra principalmente verso il centro della penisola.

 

 

Alla luce di questi dati, occorre non arrivare impreparati alla ripresa e valutare l’opprtunità di intraprendere programmi e progetti per l’uso efficiente dell’energia e ridurre al minimo gli sprechi. Se sei interessato al nostro programma di risparmio energetico Co2ave, contatta i nostri tecnici e richiedi la verifica documentale per avere un primo quadro dei tuoi consumi.

Per scaricare il rapporto completo di Terna per il mese di settembre 2014, clicca qui.

 

Share This