Stampa

Nomina Energy Manager: come affrontare la scadenza del 30 aprile

Scritto da Vincenzo Leggieri - EGE di Energia&Progetti srl.

Anche quest’anno è arrivato il momento di effettuare la nomina dell’Energy Manager. La nomina va completata entro il 30 aprile di ogni anno, utilizzando il portale (www.nemo.fire-italia.org) che la Federazione Italiana per l’utilizzo Razionale dell’Energia (FIRE) mette a disposizione a tale scopo, in accordo con Enea.

 

>> Quando è obbligatorio e quando è consigliata la nomina dell'Energy Manager?

La nomina dell’Energy Manager rientra negli scopi della Legge 10/1991, che regolamenta la gestione delle fonti di energia all’interno delle aziende con consumi rilevanti, e che prevede la presenza di questa specifica figura in azienda.

La presenza dell'Energy Manager è obbligatoria per i soggetti, sia enti pubblici e che privati, caratterizzati da consumi importanti, espressi in tonnellate equivalenti di petrolio (tep), ossia:
- 10.000 tep per le imprese del settore industriale;
- 1.000 tep (che corrispondano a circa 1,2 milioni di m3 di gas naturale o a 4,5 milioni di kWh) per i soggetti del terziario e della Pubblica Amministrazione.

La nomina dell’Energy Manager è tuttavia caldamente consigliata anche per le aziende che vogliono migliorare la propria efficienza energetica e ridurre i costi delle proprie bollette.

 

>> Il supporto di Energia&Progetti

Energia&Progetti dispone di personale qualificato EGE, in grado di affiancare l’Energy Manager dell’azienda cliente, supportandolo in tutti gli adempimenti necessari al corretto e proficuo adempimento dei compiti istituzionale ed accessori, così come definito dalla normativa in vigore.

Inoltre, offre ai propri clienti la disponibilità a svolgere direttamente il ruolo di Energy Manager, qualora lo ritengano utile alla propria organizzazione.

 

>> Vantaggi di affidare la nomina ad una figura esterna all'azienda

Riteniamo che l’affidamento e l’attribuzione dei compiti e delle responsabilità previste per il ruolo dell’Energy Manager ad una figura esterna all’azienda risponda a significativi vantaggi operativi, quali ad esempio:

1. Modulabilità del ruolo
• in funzione delle dimensioni;
• in funzione delle necessità;
• in funzione della crescita e dello sviluppo/diversificazione aziendale;
• riduzione rischi di dimissioni / inoperatività,

2. Riduzione e variabilizzazione dei costi 
• minori costi fissi;
• adattabilità alle dinamiche aziendali;
• flessibilità per carichi o riduzione di necessità;
• possibile creazione di fee basate su una quota fissa e una quota variabile in funzione dei consumi.

3. Acquisizione di competenze sempre aggiornate e multidisciplinari
• nessun costo di formazione della risorsa;
• collaborazione con professionisti di settore;
• utilizzo di competenze integrate e multidisciplinari in caso di affidamento incarico a società composte da più consulenti e specialisti.

Non esitate pertanto a contattarci per approfondire opportunità scadenze ed obblighi legati alla nomina dell’Energy Manager aziendale per l’anno 2017.
 

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per i servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi spprofondire o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra pagina sulla policy per la privacy.